Sessanta migranti a bordo di un barcone in difficoltà sono entrati oggi in acque italiane a sud di Lampedusa.

E’ intervenuta una motovedetta della Guardia di finanza che li ha soccorsi e portati a Lampedusa. Il barcone era stato segnalato in difficoltà ieri da Alarm Phone, mentre si trovava in acque Sar maltesi.

Su richiesta delle autorità dell’Isola, che coordinavano l’operazione, è intervenuta una una motovedetta della Guardia Costiera di Lampedusa a supporto un mercantile, già presente in zona, che riferiva la possibile presenza di migranti in acqua.

Giunta sul posto, la motovedetta riscontrava la presenza dell’imbarcazione e di un mercantile, inviato in area dalle autorità maltesi, battente bandiera Bahamas, che non riferiva di situazioni critiche ed era pronto ad effettuare il recupero dei migranti dall’imbarcazione.

Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo di Roma, informata Malta, ha dunque chiesto alla motovedetta di dirigersi verso altri eventi migratori in corso in acque di responsabilità italiana.

Nella sola giornata di ieri nelle acque di responsabilità italiana, sottolinea la Guardia costiera, si sono registrati 19 eventi migratori che hanno visto impegnate le unità navali del Corpo.

.:: fonte Quotidiano di Sicilia